Stampa

Half Print

Postato in Partecipanti

I MUSE una band che descrivendola la si può definire come la band più versatile e geniale degli ultimi anni,band che ha sbancato in ogni parte del globo con una grandissima fama, la fusione tra sonorità rock talvolte anche sporche e grezze,unite alla musica classica ai groove del blues e alla musica elettronica,crea davvero il genere evolutivo che a parere dei critici è la rivoluzione musicale dei nostri tempi,c'è tutto nelle canzoni, amore guerra, politica ,economia, frustrazione, gioa, passione... ogni cosa quadra in questa band che ammettiamo e sappiamo è e sarà protagonista delle vette delle classifiche mondiali ancora per molto tempo.

Ora parlando degli HALF PRINT, ragazzi di età differente nati da generi diversi e coniugati insieme dalla proprio grande versatilità che un gruppo come i MUSE sanno creare, la band nasce nel 2012 e si colloca subito come tributo promettente quando nell'estate dello stesso anno partecipa e vince il Zorama contest,il quale regala,un set fotografico e l'intervista nella mb radio,con l'esecuzione dal vivo di un brano inedito scritto ed eseguito dal cantate e chitarrista andrea. Col tempo la band si solidifica e prende sempre più fiducia dei propri mezzi,vista anche la grande risposta del pubblico sempre entusiasta nel sentire quanto sia vicino il sound HALF PRINT, a quello dei MUSE.

Pur non avendo tutti i mezzi di cui i MUSE dispongono,ma bensì mettendoci soprattutto grande cuore energia e tecnica nell'esecuzione dei live,proprio come piace ai beniamini.

Così cominciano ad arrivare molte richieste da locali di media piccola e grande notorietà ed anche festival cito: (festival in val badia, bidù birreria, arlecchino music bar, garage music (CH), temus (CH) nebian pub, motoraduni, feste, ecc...), partecipando anche a un concorso nella svizzera, la band riceve tantissimi complimenti di somiglianza soprattutto della voce di andrea formaggini, ma anche delle sonorita di basso di valerio disarò e di tastiera di nicholas bordoli e la precisione nel tempo del batterista daniele simioni, viene chiesto spesso,perchè la band,con queste qualità non punti a fare pezzi propri,la rsiposta è che prima o poi sicuramente arriveranno, viste le abilità e la curiosità nello sperimentare degli elementi non ci si può aspettare che questa sia una parentesi di qualcosa che è destinato a diventare qualcosa di bello.