Stampa

Ivana Spagna

Postato in Partecipanti

Nasce nel 1956 a Borghetti di Valeggio sul Mincio (Mantova). Dopo i primi concorsi canori, nel 1971 pubblica il 45 giri di debutto, “Mamy Blue”, per la Ricordi, seguito l’anno dopo da “Ari ari”. Per parecchi anni lavora come corista, si esibisce col fratello Theo come vocalist nelle discoteche e scrive jingle pubblicitari. Dal 1983 al 1985 scrive e canta per il duo Fun Fun e incide un singolo come Mirage e due singoli con lo pseudonimo di Yvonne Kay. Nel 1986 ottiene il primo successo in proprio, col nome Spagna: è “Easy lady”, che la proietta nella scena dance. Nel 1987 debutta su album e ottiene un successo strepitoso col singolo “Call me”. Nel 1988, un secondo album e altri successi su singolo (“I wanna be your wife”, “Every girl and boy”). Si trasferisce a Los Angeles, dove registra due album (nel frattempo incide la sigla dello sceneggiato “Scoop”, scritta da Pino Donaggio: “No more words”).

Nel 1994 canta per la prima volta in italiano (“Il cerchio della vita”, canzone tratta dalla colonna sonora del film d’animazione “Il Re Leone”). Nel 1995 partecipa al Festival di Sanremo e si classifica terza con “Gente come noi” e pubblica il suo primo album in italiano, SIAMO IN DUE. Nel 1996 è ancora a Sanremo con “E io penso a te” e pubblica l’album LUPI SOLITARI. “E che mai sarà” è la canzone con cui gareggia a Sanremo nel 1998; dall’album che ne prende il titolo è tratta anche “Il bello della vita”, canzone che rappresenta l’Italia ai Mondiali di calcio di quell’anno. Incide due canzoni per il film d’animazione “La gabbianella e il gatto” di Enzo D’Alò. Nel 1999 duetta con Mario Lavezzi (“Senza catene”). Nel 2000 è a Sanremo con “Con il tuo nome”, nel 2001 pubblica l’album di cover LA NOSTRA CANZONE, nel 2002 incide WOMAN, un album in più lingue (inglese, spagnolo e francese) e pubblica il libro per bambini “Briciola, storia di un abbandono”, accompagnato dalla canzone “Briciola”. Nel 2004 L’ARTE DI ARRANGIARSI raccoglie successi rivisitati e due inediti (uno cantato con i Nomadi).

Nel 2005 Spagna pubblica DIARIO DI BORDO per la NAR, con brani inediti cantati in italiano, e nel 2006 è nuovamente a Sanremo con “Noi non possiamo cambiare”, uno dei tre inediti contenuti nella riedizione di DIARIO DI BORDO sottotitolata VOGLIO SDRAIARMI AL SOLE. Nel 2006 festeggia vent’anni di carriera con un disco d’oro alla carriera (si calcola abbia venduto 10 milioni di dischi), partecipando al reality show televisivo “Music Farm” e pubblicando il singolo “Vorrei fossi tu”. Nel 2007 escono “You raise me up”, incisa con Ron e il maltese Tristan B, e la cover di “Gli occhi verdi dell’amore” realizzata coi rapper Zeta Clan. Nel 2008 Spagna realizza il singolo “Dancing on the beach” con lo svizzero Robb Cole e torna a Sanremo duettando con Loredana Berté in “Musica e parole”. La collaborazione sfocia nell’Ep del 2009 LOLA & ANGIOLINA PROJECT che riporta Spagna in classifica e le assicura un Premio Lunezia. A fine anno escono EASY LADY 2009, contenente remix del suo celebre pezzo dance, operazione ripetuta l’anno dopo con “Call me”, e IL CERCHIO DELLA VITA, coi brani incisi per i film Disney. Nel 2010 canta l’inno della squadra di calcio dell’Inter “Noi… sempre con voi (un cuore nerazzurro)” e allega alla rivista Music Magazine l’album BUON NATALE che ospita cinque brani natalizi e sette da IL CERCHIO DELLA VITA; nel 2011 dà alle stampe l’autobiografia “Quasi una confessione! Tutto quello che non ho mai detto”. Per ascoltare un nuovo album di inediti, in lingua inglese, bisogna aspettare il 2012: a FOUR collaborano Brian Auger, Eumir Deodato, Fabrizio Bosso e altri. Nel 2014 l’annuncio: dopo un ventennio circa, Spagna torna alla dance cantata in inglese col singolo “The magic of love”.